Beatrice Torrini Tel. +39 347 1947343
beatricetorrini@vinibio.bio
linkedin
facebook     insta
Filippo Ferrari Tel. +39 345 4557836
filippoferrari@vinibio.bio
linkedin

Trattamenti per l'estate…Voi che fate?

foto 350x340

Si avvicina l’estate e per noi viticoltori o almeno per quelli che amano l’acqua, si avvicina anche la prova costume, oltre al 21 di Giugno che per la Vite è una data fondamentale. Nicolas Joly descrive molto bene come, in un terreno vocato, al 21 di quel mese o intorno a quella data dovrebbe terminare la fioritura. Dalla fase espansiva che porta alla formazione dei tralci fino al fiore, inizia la fase di concentrazione, nel seme e nel frutto. Allora dopo aver raccolto il grano, si potranno ammirare le stelle cadenti che portano energie tali da far maturare un frutto intimo, come l’uva.

Sembra facile ma di fatto, le cose con cui dover trovare un accordo sono tante, dalla gravità che rende flaccidi i nostri corpi, agli animali selvatici, passando per rughe e funghi....senza considerare i Lt di vino che beve un addetto ai lavori durante l’anno...

Fare balli in vigna durante la notte, potrebbe risolvere problemi di muscoli umani e appetito di caprioli e company...ma ti tocca assumere il doppio del personale....

Quindi come per l’età che incombe, così per funghi e bestie, Prevenire è la parola d’ordine!

D’accordo su tutto come riduzione di rame zolfo a favore di corroboranti naturali e operazioni corrette sul verde ma prevenire l’azione di un animale, la vedo dura….sarebbe come voler ragionare con il tempo che passa….

Fanno un po' di caccia di selezione e ti danno i soldi per fare un pò di recinti, dovresti fare dei lager e oltre a sconvolgere il territorio non risolvi il problema, creando problemi anche a tanti animali che non c’entrano nulla o a liberi fantini..

Una soluzione potrebbe essere quella di dare da bere e da mangiare agli animali selvatici che si decide di non abbattere.

Mi ricordo di aver visto in tv che, nel Nord Italia, qualche agricoltore si difende dagli orsi piantando ai margini dei campi coltivati delle piante che a loro piacciono, serve ma non basta.

Fare aree di godimento per gli animali sarebbe bello e renderebbe onore al paesaggio e all’agricoltura, sarebbero soldi pubblici investiti bene. Non è un problema ovunque, non sarebbe impossibile da realizzare.

Così è un macello e non si può pensare che la soluzione sia il macello.

Alcuni stanno usando un prodotto a base di grasso di pecora o sangue di qualcosa, noi ci rifiutiamo e stiamo battendo la strada dell’aglio, delle ceneri e dei recinti ma come si vede dalla foto se possono entrano e mangiano....Voi che fate? Si accettano anche consigli per il corpo ;)

Buon lavoro!

 

FaLang translation system by Faboba
Back To Top