Beatrice Torrini Tel. +39 347 1947343
beatricetorrini@vinibio.bio
linkedin
facebook     insta
Filippo Ferrari Tel. +39 345 4557836
filippoferrari@vinibio.bio
linkedin

I giorni della condivisione.

Non scrivo da tempo, se non pensieri a raffica sui social, sui post-it o nelle caselle dei miei poveri amici. Mi piace condividere la mia vita, come in quei paesi in cui ci si siede sullo scalino della porta o sulla sedia lì vicina e si sta lì; con tutto quello che rappresenta. Dopo la vendemmia, le olive e il Natale, Gennaio è il mese in cui le forze di cristallizzazione e quindi della “forma” presente e futura sono le più forti; si deve lasciare che la vita faccia il suo corso. Dobbiamo lasciarci “compiere”, come ogni chicco di neve o cristallo di ghiaccio; difficile trovarne uno uguale all'altro eppure hanno tutti lo stesso nome, come noi esseri umani. Così il Vino, eppure può essere bio, convenzionale, naturale, biodinamico, mio, tuo, etico, eppure è sempre vino e forse gli basta essere vino “buono, sostenibile e unico”; senza essere “una finestra” di mille aspirazioni e speranze. Sarà per questo che da Gennaio in poi, prima della natura riparte l'uomo. Anteprime, degustazioni, convegni, cene, pranzi, abbracci, bicchieri rotti, pensieri, emozioni e magari conquiste, in tutti i sensi (Sanremo e San Valentino a coronare il tutto).

Durante Gennaio abbiamo pensato anche al nostro progetto e finalmente, siamo tutti d'accordo sul lasciare libera l'Idea di ViniEtici costituendo un'Associazione di Promozione dell'Enogastronomia Biologica e Biodinamica e “rifiutando”, una forma societaria per un pensiero così piacevole; al fine di mantenerlo tale per chiunque ne voglia fare parte. Vorremmo credere nell'esperienza conoscitiva e sensoriale di ognuno di noi, con una presenza costante sul territorio del vino e del cibo. Iniziamo il 13 a Lucca in Fillungo e poi Chianti, Montepulciano, Vernaccia, Convegno alla Bocconi, Brunello e chi più ne ha più ne metta....

Lo scorso anno, al 32° Convegno di Agricoltura Biodinamica a Firenze, eravamo in 700....quest'anno alla Bocconi sarà la conferma che, tutti coloro che "possono" lavorare la terra per offrire cibo e piacere, dovrebbero sentire in loro stessi il desiderio di interagire con la natura, e non di combattere i “problemi” da lei messi in evidenza.

Condivideremo quotidianamente le nostre esperienze e nel frattempo metteremo un po' a posto il sito così da inserire lo statuto dell'associazione, un calendario degli incontri e tutte le informazioni utili a sentirci tutti "produttori/consumatori".

"Il "consumatore" dovrebbe essere capace di soddisfare il suo bisogno "reale" e il "produttore", dovrebbe sentire il desiderio di appagare un bisogno contestuale al territorio".

Ci aspettano giorni pieni di speranza, nel mio caso di sentire tante storie sulla conservazione della terra e del senso di piacere. Mi sento anche di ringraziare in anticipo chi, prima di noi giovani speranzosi, ha vissuto una cultura evolutiva andando a comprare il pane biologico all'epoca illegale....all'epoca era prima del 1989....per fortuna avevo 10 anni e già ero tarantolato;).

Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo. M.Gandhi

Filo Terra

FaLang translation system by Faboba
Back To Top