Beatrice Torrini Tel. +39 347 1947343
beatricetorrini@vinibio.bio
linkedin
facebook     insta
Filippo Ferrari Tel. +39 345 4557836
filippoferrari@vinibio.bio
linkedin

Una nuova “forma” di vigna.

Vigna in Forma

Il lavoro agricolo forse più di altri, è parte integrante dell'educazione quotidiana. Se la tua sorellina conosce a memoria tutti i detti popolari relativi al meteo, è come se i tuoi genitori ti insegnano a ragionare con il più anziano dei vendemmiatori; cresci capendo che la “ribollita” toscana forse non è solo un piatto, ma un modo di agire, schietto, spontaneo e sempre pronto a farti applicare pochi essenziali principi. Così, nell'eventualità di creare qualcosa senza una ricetta definita, potrai togliere invece che aggiungere, al fine di farti aiutare dagli stessi ingredienti utilizzati, valorizzando ognuno di essi in relazione agli altri.

Nei primi mesi del 2016, l'amico e collega Michele Baio, mi ha invitato in Brianza per confrontarsi in merito alla realizzazione di un nuovo vigneto. Un terreno incolto con argilla profonda ma coltivato e terrazzato fin dal tempo dei Cistercensi, tra Lecco, Monza e la Valtellina. Terra dell'ideale “Vino di Milano” nelle parole di Mario Soldati.

Trattandosi della creazione di un'azienda agricola sostenibile con residenza privata, ho tracciato dal primo incontro un percorso volto a sperimentare l'importanza di una diversa impostazione delle colture all'interno del paesaggio, nell'intento di ridurre ogni tipo di impatto legato alla produzione e incrementare la qualità dei frutti. Non avendo una linea storica definita ed essendo in un luogo dal clima atipico, ho pensato, grazie alle parole di Steiner, di collaborare con i 4 elementi base.

 trivellasquadro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Poggiando sull'elemento di una Terra appena stata ripulita dai rovi in molte sue parti, ho pensato di legare gli altri 3 elementi a 3 diverse varietà di vite, da piantare non a filari ma in alcune delle forme espressive di Aria, Calore e Acqua. 

Il Carménère, che in quelle zone è chiamato Cabernet “nostrano” ed è oggetto di nuovi studi anche in altre aziende, si è guadagnato la forma di un Sole, a richiamare il Calore necessario ad una varietà precoce, in un ambiente a rischio gelate. 

Il Petit Verdot, dovendo solo esaltare il taglio finale senza essere predominante, è stato piantato a forma di Aquilone a ricercare con l'Aria la finezza gustativa desiderata. 

Il Syrah, invece, ha implicato che l'elemento Acqua non avesse una forma circolare come una goccia o la peronospora ma, al  contrario, esagonale come le molecole di acqua “informata”. 

La forma, a questo punto, non poteva bastare senza il colore ad orchestrare ogni aspetto dei relativi elementi. Solo tutori bianco pepe per il Syrah, insieme a lilla, giallo ed arancio per avere un'Aria tiepida ad escludere gli eccessi vegetali del Petit Verdot, la stessa, dei tutori gialli ed arancio dei raggi del Sole, rinfrescati però, verso il centro, dal colore celeste e poi bianco pepe.

 vigna in forma

esagoni              IMG 1224

 

 

     

 

 

     

 

 

 

 

     

La Terra non è stata scassata o lavorata in profondità per essere invece seminata, sulla linea dei disegni e a tutto campo, richiamando al lavoro di strutturazione del suolo le radici ed i microorganismi. L'alta densità d'impianto e la forma di allevamento a candelabro ed alberello, sono state determinanti nell'ottica di “camminare“ le vigne senza fare attenzione ai fili di cortina e alla vigoria. La trivella manuale è sicuramente più scomoda di quella idraulica ma in ogni caso, rende il lavoro più preciso riducendo costi. Niente di nuovo fino a quando non lo provi di persona, vivendo realmente il senso di certe scelte.  In tutto questo, c'è un fattore indispensabile: la presenza dell'uomo, chiamato a svolgere il suo ruolo primario di connessione tra Terra e Universo.

Doversi ingegnare per fare cose diverse ma con gli stessi strumenti, ti aiuta a interiorizzare l'utilità della conoscenza intesa nel senso più ampio possibile e vissuta come fonte di energia fisica e mentale. Desideroso di intraprendere un'altra avventura, mi osservo e sento l'equilibrata bellezza tra le esperienze ed il tempo che le crea nel suo passare.

IMG 0404

IMG 0409

IMG 0403

IMG 0407

 

 
FaLang translation system by Faboba
Back To Top