Beatrice Torrini Tel. +39 347 1947343
beatricetorrini@vinibio.bio
linkedin
facebook     insta
Filippo Ferrari Tel. +39 345 4557836
filippoferrari@vinibio.bio
linkedin

Il 5 Giugno. Giornata mondiale dell'Ambiente.

Dal 1972 ad oggi di strada ne abbiamo fatta. Non ho ricordi scolastici o di altro tipo, legati al festeggiamento di questa giornata. Neanche all'Università di Agraria succedeva niente di particolare. Forse è colpa del vino che mi fa scordare tutto. Di fatto, AIAB ha festeggiato i suoi 25 anni nel 2013 e il primo negozio di Naturasì (Naturalia) venne aperto nel 1993. I primi passi furono mossi nel 1924....ma ancora oggi per molte persone il Bio è un'utopia e la Biodinamica stregoneria. Quei pochi che percorrono queste strade con conoscenze e dedizione, ottengono risultati almeno nella media se non migliori, rispetto ad un'agricoltura convenzionale/integrata e ai "prodotti" che ne derivano.

Tra “mangiare” e “nutrirsi” la differenza è uguale a “concimare” o “ammendare” il suolo. Un suolo semplicemente concimato, offre alla pianta la sola possibilità di espandersi nell'ambiente ma non contribuisce a farla essere sana per se stessa e nutriente per noi. Piante che crescono ma che si ammalano. Si da per scontato che ogni pianta si debba ammalare....effettivamente questo può succedere ma non dovrebbe essere la normalità. Distribuire al suolo del letame fresco o del concime chimico o misto organico, è molto diverso dall'apportare un letame da cumulo o l'aumento di flora e relativa fauna o i preparati biodinamici o gli EM. La stessa differenza che possiamo trovare tra un cibo pronto, magari surgelato o in atm controllata, rispetto a un piatto preparato da noi stessi, partendo dalla cura delle materie prime. Se ti nutri male stai male ma c'è chi ci pensa giustamente e fanno cibo scandente e ospedali….

Dovrebbe essere il 5 di Giugno, ogni Giorno dell'Anno, soprattutto per un popolo come il nostro, fondato su certi principi, almeno in teoria.

Il ritorno alle campagne anche da parte dei giovani è una grande notizia, l'importante è che si torni con l'idea di fare meglio, sempre meglio e solo in modo sostenibile.

L'altro giorno per strada mi sono fermato a parlare con un giovane agricoltore che stava trattando l'orto con maschera, occhiali e tuta.....ho chiesto se poi le avrebbe mangiate quelle verdure. La risposta è stata sì, senza sé e senza ma. Anzi mi ha detto che nella chimica moderna i residui sono pari a zero.

5 Giugno, ogni Giorno.

7800_675320579151683_1342608248_n


 

Back To Top