Beatrice Torrini Tel. +39 347 1947343
beatricetorrini@vinibio.bio
linkedin
facebook     insta
Filippo Ferrari Tel. +39 345 4557836
filippoferrari@vinibio.bio
linkedin

Risvegli. Il primo punto.

1526343_802320746451665_1531612675_n

La nostra idea, in questo spazio denominato ViniBio.bio è che ogni persona coinvolta, per propria o nostra scelta, si immedesimi nel suo interlocutore, per stimolarsi e stimolare. Giudizio e critica non costruttiva, non devono farci perdere tempo. L’obiettivo comune, deve essere quello di lavorare tutti meglio, per essere poi consumatori appagati.

Fino ad ora, non ho mai incontrato nessuno che per vendere vino, investisse almeno un decimo, di quanto avesse investito il produttore per arrivare fino alla bottiglia..... Al contrario, tante aziende pretendono di essere vendute, senza prima cercare di conoscere le esigenze dei venditori, dei ristoratori, dei consumatori.... Nel settore vino se ne vedono davvero tante ma le aziende che funzionano bene, si contano facilmente.

Viene da pensare che forse abbiamo fatto confusione nel voler promuovere un punto di vista troppo individuale. I produttori, nel voler imporre il loro gusto e le loro storie. I consulenti, nel fare il proprio bene e non quello delle aziende. I parlatori e gli scrittori, nel cercare la “potenza” ovunque...in forme, modi e sensazioni spesso orfane di territori e di bevibilità. I venditori, nel trovare sempre una scusa di rapido “cambio bandiera” e richieste non allineate ai risultati......i margini effettivamente sono pochi, se lavori come da copione. I ristoratori, a voler guadagnare su cose che spesso neanche conoscono. I consumatori che spesso si perdono dietro a cose inutili.

La prima cosa da fare, potrebbe essere quella di trovare un giusto dialogo tra tutte le parti e capire che ogni persona coinvolta nella filiera, ha la stessa importanza. Diversamente il vignaiolo non capirà mai le esigenze del venditore, come il consumatore dovrà accontentarsi per godere…e tutto quello che oggi vediamo….

In ViniBio.bio, stiamo percorrendo questa strada. Non avendo una traccia da seguire, per “biodiversità” di obiettivo preposto, procediamo sicuri di poterci guardare negli occhi e essere innamorati del nostro lavoro.

 

FaLang translation system by Faboba
Back To Top