Beatrice Torrini Tel. +39 347 1947343
beatricetorrini@vinibio.bio
linkedin
facebook     insta
Filippo Ferrari Tel. +39 345 4557836
filippoferrari@vinibio.bio
linkedin

Filippo ferrari

1986 – Terra – Chi – I Settennio

Il Lunedì di Pasquetta di 7 anni prima mi sono palesato al mondo, mentre Gaia occupava i nostri genitori solo da 14 mesi. Essere quasi coetanei è stato strategico per noi, un po' meno per loro. Vivendo già a Le Sorgenti senza parenti a portata di mano, erano costretti ad usare la natura come baby sitter a “capo” di fantastiche tate straniere. L'educazione familiare, è stata vasta e rigorosa, piacevolmente basata su princìpi di autosufficienza spirituale e materiale, amore e non passione per la natura e la vita con lei. Il maestro delle elementari, con un percorso simile, mi ha insegnato l'importanza di giudicare solo i miei pensieri, così da agire con rispetto. Le medie e la prima liceo, hanno imposto l'altra faccia della medaglia. Professori avulsi dal compito di creare un legame tra l'ora di italiano e quella di fisica, incapaci di spiegare il metodo per cui tutte quelle materie insieme, ci avrebbero fatto capire il nostro Terroir e quindi noi stessi.

 

2000 – Dimensione – Cosa – III Settennio

21 anni. 6 del Liceo Scientifico conclusi con il compito di matematica bianco candido, salvato dall'Impressionismo applicato a tutte le materie. Anche all'Università, misuravo ogni cosa in base alla realizzazione avuta, non all'aspettativa creata. Gioivo per l'effetto di un antiparassitario non residuale ma potevo solo aspettarmi di rifarlo l'anno seguente. Grazie alla scienza classica ci possiamo curare ma lo scarso valore riconosciuto a certe pratiche di prevenzione, porta a ripetere sempre gli stessi gesti. Sembrerebbe tuttora un esempio di necessaria interazione di pensieri apparentemente non conciliabili. Nel 2003, a pochi mesi dalla tesi, ho trovato negli scritti di R. Steiner un metodo diverso per risolvere gli stessi quesiti e la vita, mi ha imposto il violento distacco da Gaia, mentre nostro padre era in fin di vita all'ospedale. Con il tempo, vivere e lavorare per capire e condividere il perché di una cosa e non solo il come, mi è sembrata la scelta più naturale. L'antroposofia, basando il pensiero intuitivo su conoscenze scientifiche, mi ha fatto fidare del suo metodo di osservazione e percezione della realtà in cui l'uomo è chiamato dalla natura a cercare ed offrire punti di vista, finalizzati ad interagire con il tutto in base a ciò che è, non a quello che ci suscita o che è per noi.

 

2014 – Forma – Come – V Settennio

35 anni. Il periodo indicato come quello della maggiore consapevolezza per il sesso maschile. Sono gli anni in cui il passare del tempo incalza a raggiungere la dimensione creata dalle proprie vitali esigenze, per dare una forma compiuta al proprio spazio vitale. Come si vede in certi film di persone amiche da una vita, in quei minuti trasudanti di oggettività e sano cinismo.

Con Beatrice, abbiamo in comune il desiderio di vivere questo coinvolgente lavoro, con meno emotività, critica e giudizio per dare ai prodotti trasformati dall'uomo, il ruolo di strumento necessario ad un'evoluzione che abbia solide radici.

 

 

Belvedere
Consulenza enologica e agronomica
2007/2011
belvedere
lenziniLenzini
Consulenza enologica e agronomica
2007/2015
Fattoria Sant'Andrea
Consulenza enologica e agronomica
2010/2012
santandrea
cupelliCupelli Spumanti
Condivisione e stima professionale
dal 2010
Luteraia
2011
luteraia
piombaiaPiombaia
Consulenza enologica e agronomica
dal 2011
Poggio Piano
Consulenza enologica e agronomica
2012/2015
POGGIOPIANO
scoveroScovero
Consulenza enologica e agronomica
2014/2016
Fattoria di Montefiridolfi
Consulenza enologica e agronomica
2015/2017
montefiridolfi
campioneCampione della Brianza
Consulenza e Formazione Biodinamica
2016/2017
Fornace carbone "Pallò"
Progettazione e comunicazione
dal 2017
pallo
cordonbleuScuola di Arte culinaria Cordon Bleu
Docente enologo
dal 2017
FaLang translation system by Faboba
Back To Top